Posts From Archive: 23 Febbraio 2017

Pesce crudo, pesce sicuro. Parliamo di sicurezza alimentare

Recentemente si è parlato molto di sicurezza alimentare in seguito ai controlli svolti dai Nas all’interno di svariati ristoranti giapponesi. Inutile dirlo, la maggior parte di questi ha fatto emergere una situazione quanto mai preoccupante. In molti casi – infatti – il ristoratore non rispetta la normativa vigente per la conservazione e somministrazione di pesce crudo, mettendo a repentaglio la salute dei propri clienti. La gara al ribasso tra i prezzi dei ristoranti giapponesi in questi anni ha generato un piccolo far West. Vediamo insieme quali sono i pericoli che possiamo incontrare in un locale all you can eat di bassa qualità:
– Spesso e volentieri il pesce non è acquistato da fornitori certificati, ma all’interno di mercati clandestini. Se il pesce non è tracciabile, non siamo in grado di stabilire in quale mare sia stato pescato, col rischio di mangiare prodotti ittici provenienti da zone inquinate.
– Un’altro passaggio trascurato in molti casi è il trattamento a basse temperature in abbattitore, obbligatorio per legge e necessario a scongiurare l’insorgenza di batteri o anisakis nel pesce crudo.
– Ultimo ma non per importanza, alcuni gestori utilizzano additivi chimici per conferire al pesce non più fresco il tipico colorito brillante del pesce fresco. Questa sofisticazione avviene col monossido di carbonio per il tonno rosso, oppure con acqua ossigenata per i pesci bianchi.

I numeri parlano chiaro: 45 intossicazioni solo nel 2016 per pesce mal conservato. Il “mal di sushi” o sindrome sgombroide, è curabile nel giro di poche ore grazie a cortisone o antistaminici, ma sta di fatto che questo genere di fenomeni non dovrebbero mai verificarsi. Questi ristoratori disonesti gettano discredito sull’intera categoria, penalizzando chi invece le regole le rispetta alla lettera, anche a costo di ridurre sensibilmente il proprio utile.

Da Sushiko – con 45 ristoranti e oltre 5 milioni di pasti serviti ogni anno – utilizziamo solo materie prime di altissima qualità sottoposte a rigidi controlli giornalieri. Tutte le nostre aziende fornitrici sono certificate e vantano un’esperienza decennale nel settore della ristorazione. Grazie alla tracciabilità, Sushiko è in grado di risalire al produttore di ogni ingrediente che compone i propri piatti, garantendo la massima sicurezza ai consumatori. I prodotti ittici lavorati e somministrati nei locali sono rigorosamente accompagnati dalla documentazione che attesta la loro freschezza. Grazie alla partnership con un’azienda leader mondiale nel campo della logistica, riusciamo a garantire il massimo rispetto della catena e di tutte le norme di sicurezza vigenti in campo alimentare. Garantire giornalmente la massima sicurezza non è per noi un costo, ma un valore aggiunto per i nostri clienti.

Sulla pagina Facebook di Sushiko abbiamo da poco lanciato una campagna per sensibilizzare l’opinione pubblica su questo argomento. Quando decidete di mangiare pesce, non puntate sul risparmio a tutti i costi: la qualità e la sicurezza si pagano. O preferite trasformare una fantastica cena di pesce in un incubo notturno tra le mura del vostro bagno?

Le nuove tendenze del food nel 2017

Questo 2017 si preannuncia come un anno ricchissimo di novità in ambito Food. Vediamo insieme quelle che saranno le principali tendenze nei prossimi mesi.

SMOOTHIES E CENTRIFUGATI: LA RIVINCITA DELLE BEVANDE ANALCOLICHE
Per tutto il 2016 abbiamo assistito a un grande trend di crescita per questi prodotti, sia negli States che in buona parte dell’Unione Europea. La ricerca di cibo con proprietà benefiche per la salute si è focalizzata molto sulle bevande analcoliche come Smoothies o centrifugati di frutta e verdura, dando vita a centinaia di locali sparsi per il mondo che propongono queste bevande nelle loro infinite declinazioni. La generazione Z, ossia quella fascia di popolazione nata all’inizio degli anni duemila, è molto attenta alla salute e preferisce di gran lunga questo tipo di bevande rispetto a vino o cocktails alcolici.  Le proprietà benefiche di questi drink sono innumerevoli: anti-infiammatorie, anti-ossidanti e anti-virali, ricche di fibre e di vitamine. In parole pavore, il ricostituente naturale per eccellenza.

ORANGE IS THE NEW BLACK AND PURPLE IS THE NEW MUST
Il 2017 sarà un anno all’insegna dei cibi di colore viola. Patate, broccoli, asparagi e packaging rigorosamente su tonalità viola. Secondo Whole Foods, nei prossimi mesi vedremo un netto incremento di questi prodotti nei supermercati, nei ristoranti e sulle nostre tavole.

BUDDHA BOWLS: IL GRANDE MOMENTO DELLA DELLA ZUPPA
Un trend che ha accompagnato tutto il 2016 e farà faville anche nel 2017 è quello delle zuppe servite rigorosamente nella loro ciotola rotonda, detta anche Buddha Bowl. I ristoranti che propongono ramen, vellutate e brodo si stanno moltiplicando esponenzialmente anche grazie a fenomeni di culto come il film “Ramen Girl”. La zuppa è un prodotto ottimo, nutriente e rassicurante che lascia molto spazio di manovra alla fantasia dello chef. E’ facile da impiattare e sempre pronta per essere mangiata, in più si dice che stringere una ciotola fumante di zuppa tra le mani respirandone il profumo riscaldi l’anima e il cuore.

GIAPPONESE: C’E’ UN MONDO OLTRE IL SUSHI…
In Italia cucina giapponese fa rima con sushi, ma i piatti tipici di questa cultura sono infiniti e non essenzialmente dei sushi rolls. Condimenti come il ponzu, miso, mirin, olio di sesamo e aceto di prugne si stanno facendo sempre più largo nella scena mainstream. Da tenere d’occhio anche gli street food tipici giapponesi come i takoyaki (polpettine in pastella di polpo tipiche di Osaka), l’Okonomiyaki  (frittatine con carne, verdure o frutti di mare) o gli Yaki Soba (spaghetti di grano saraceno in brodo o alla piastra) come valida alternativa al sushi.

UN IMPIATTAMENTO DEGNO DI INSTAGRAM
Instagram più di ogni altro social network è riuscito a riportare in auge la passione per la fotografia. Milioni di persone ogni giorno scattano foto e le condividono su questa affascinante piattaforma generando un flusso costante di contenuti multimediali. Come era facile immaginarsi, il cibo è uno dei soggetti preferiti dagli utenti di Instagram che amano immortalare i loro piatti preferiti per poi condividerli col resto del mondo. Qual’è la posizione più comoda per fotografare un piatto? Naturalmente dall’alto. Ecco perché moltissimi chef hanno iniziato a comporre degli impiattamenti studiati appositamente per generare l’effetto Instagram. Ogni foto condivisa da un utente è pubblicità gratuita per la vostra attività. Non dimenticatelo mai.

Sushiko sponsor 2016/17 Pallacanestro Reggiana

Sushiko entra a far parte del Basket Pool della Pallacanestro Reggiana. Di seguito il comunicato stampa ufficiale:
Pallacanestro Reggiana è orgogliosa di annunciare l’ingresso nell’ambito del Basket Pool di SUSHIKO, l’importante catena di ristoranti del GL GROUP Srl di Reggio Emilia che ha rivoluzionato il mondo della ristorazione orientale a partire dal 2009 e che oggi conta oltre 50 locali in tutto il nord Italia.

“Entrare come sponsor nel mondo della Pallacanestro Reggiana è per me un grande onore e motivo di orgoglio personale. Il mio supporto al team che ha condotto Reggio Emilia alla consacrazione tra i top players nazionali del basket vuole essere un piccolo omaggio a una comunità che negli anni mi ha dato moltissimo. Noto con piacere che molte delle aziende sponsor della Pallacanestro Reggiana sono partner di Sushiko e GL Group con cui da anni intratteniamo un proficuo rapporto di collaborazione. Adesso, oltre che in campo lavorativo, saremo uniti anche dalla passione per questo magnifico sport. Sono arrivato a Reggio Emilia 22 anni fa e posso tranquillamente asserire che questa città mi ha dato tutto quello che potevo desiderare. A Reggio ho trovato amici preziosi, soci e collaboratori che – grazie al loro supporto e al loro calore – mi hanno aiutato a diventare quello che sono oggi.

Con questa sponsorizzazione vorrei anche lanciare un messaggio di apertura alla comunità italo-cinese: gli stranieri che vivono in Italia dovrebbero aprirsi maggiormente alla possibilità di uno scambio culturale con gli italiani. Solo così possiamo imparare e condividere le nostre conoscenze per costruire insieme un futuro di collaborazione e crescita comune. Dal melting pot culturale e dallo scambio di conoscenza nascono sempre unioni destinate al successo, proprio come in una squadra di basket dove giocatori di tutte le nazionalità lavorano fianco a fianco per uno scopo comune: vincere. Noi dobbiamo fare lo stesso”.

Cristian Lin